Il conto delle ombre

È così che si fa
ad imparare dall’ago:
abbraccia il filo
tra brilli tremori
di dita inumidite
da un’umanità
condivisa.

Lascia, poi, che gli alberi
facciano ombra di nuovo,
e ascoltami, ascoltami ridere,
ma ti prego, prometti,
adesso, prometti
di non distrarmi
dal conto delle ombre.

Pierpaolo Lazzaro

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in versi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...